Tag Archives: Il vaso rotto di Sully Prudhomme tradotto da Paolo Statuti

L’Album di Madame Ol’ga Kozlova

7 Nov

Madame Ol’ga Kozlova

 

 

Kosta Chetagurov

 

E’ un manoscritto elegantemente stampato con triplice raffilatura in oro, compilato negli anni ’70 e ’80 dell’Ottocento e pubblicato nel 1883 in soli 40 esemplari e ripubblicato nel 1889 in 10 copie. Tra gli altri vi lasciarono un proprio ricordo con autografo: A.A. Fet, A.N. Apuchtin, A.N. Pleščeev, A.N. Majkov, N.A. Nekrasov, F.M. Dostojevskij, I.A. Gončarov, A.N. Ostrovskij, M.E. Saltykov-Ščedrin, I.S. Turgenev. La letteratura europea vi è rappresentata dai nomi di V. Hugo, P. Mérimée, Dumas padre e figlio, A. de Lamartine, due diverse traduzioni di A.N. Apuchtin e A.D. Baratynskaja della poesia di S. Prudhomme Il vaso rotto. I testi di prosa e di poesia si alternano con gli acquerelli di I.K. Ajvazovskij, A.P. Boroljudov, P.F. Sokolov e altri noti pittori. Per la musica ci sono annotazioni di P. I. Čajkovskij, G. Verdi, A.G. e N.G. Rubinštejn.

Ol’ga Andreevna Kozlova era la moglie del poeta, traduttore e compositore Pavel Alekseevič Kozlov, nato nel 1841, lo stesso anno della morte di Lermontov. I principali temi della sua poesia sono l’amore, la morte e la bellezza. Divenne famoso soprattutto per le sue esemplari traduzioni di Byron: Manfredi, Don Giovanni, Child Arold, Beppo e per le sue celebri romanze Se avessi saputo…(parole e musica) e Guardando un raggio del rosso tramonto e altre ancora. Viaggiò molto anche come diplomatico: Italia, Francia, Germania, Inghilterra, Spagna, mai perdendo l’occasione di conoscere noti scrittori, pittori e musicisti.

Dalla metà del 1870 i Kozlov vivevano a Pietroburgo, organizzando in casa pranzi letterari. Lasciare una nota nell’Album della padrona di casa rientrava nel programma degli incontri mondani. Inoltre Ol’ga Andreevna prendeva sempre con sé il suo Album nei viaggi, e gli autografi furono presi ad esempio a Parigi, Bruxelles, Karlsbad, Sorrento. La costanza e l’amore per le arti permisero ad Ol’ga di creare una collezione unica di annotazioni, trasformando l’Album di famiglia in un documento unico, fedele specchio della vita culturale del suo tempo.

Nella vita di Pavel Kozlov ci fu una drammatica storia sentimentale. Per sua sfortuna si innamorò perdutamente della bellissima pianista e mecenate polacca Maria Kalergis. Tra i suoi ammiratori c’erano Liszt, Chopin, Goethe, Norwid… Kozlov era assai più giovane della sua “fiamma”, ma senza esitare la seguì in Europa, bruciando di gelosia. La donna lo eccitava e lo derideva. Questo suo amore fatale fu descritto dal poeta nella romanza Se avessi saputo…(1880). Per Maria, Kozlov si batté in duello con un “odiato rivale”, e restò ferito al petto. Non si riuscì a estrarre la pallottola e ciò costituì la causa indiretta della sua morte prematura nel 1891, all’età di 50 anni.

 

Se avessi saputo…

(parole e musica di Pavel Alekseevič Kozlov)

 

Se avessi saputo, invano la mia forza vitale,

Invano io la giovinezza non avrei perduto…

Il tuo amore è la mia pietra tombale

E ora io perisco…Se avessi saputo!..

 

Tu giuravi, ed io ho smesso di sognare,

Tu piangevi e al pianto non ho più creduto,

Tu pregavi e io ho smesso di pregare;

Se avessi saputo!.. Se avessi saputo!..

 

Buio nella mente; nel petto una pena muta,

Io l’oblio per sempre ho perduto,

L’oblio non c’è! La mia strada è compiuta,

E solo sussurrerò: “Se avessi saputo…”.

 

1880

 

(Versione di Paolo Statuti)

 

Guardando un raggio del rosso tramonto

(musica: Andrej Oppel’, testo: Pavel Kozlov)

 

Guardando un raggio del rosso tramonto,

Noi stavamo sulla riva della Nevà.

Mi stringevate la mano; è fuggito senza ritorno

Quel dolce istante, voi lo avete scordato già.

 

Fino alla tomba giuraste di amare il poeta;

Temendo la gente e chi mormorava,

Voi avete tradito la promessa data,

E il vostro amore per sempre si allontanava.

 

Ma la morte è vicina, vicina è la mia fine;

Quando morirò, nel quieto fruscio del prato

La mia voce risonerà e vi dirà infelice:

Egli di voi viveva e lo avete dimenticato.

 

(Versione di Paolo Statuti)

 

3 poesie inserite nell’album di Ol’ga Kozlova tradotte da Paolo Statuti

 

Sully Prudhomme

 

Il vaso rotto

Il vaso dov’è morta questa verbena

Per un colpo di ventaglio s’è incrinato;

Il colpo l’ha scalfito appena,

E nessun suono lo ha rivelato.

 

Ma il taglio pur se poco inciso,

Mordendo il cristallo ogni giorno,

Con moto invisibile e deciso

L’ha percorso tutto intorno.

 

La sua fresca acqua è colata via,

Il succhio dei fiori è interrotto;

Nessun dubbio ha più chicchessia,

Non toccarlo, perché è rotto.

 

Spesso anche la mano amata

Sfiorando il cuore lo ferisce;

Poi dal cuore la ferita è ampliata,

Il fiore del suo amore perisce;

 

Sempre intatto agli occhi del mondo,

Sente crescere e piangere a dirotto

La sua ferita sottile e profonda:

Non toccarlo, perché è rotto.

 

Nikolaj Alekseevič Nekrasov

 

Ieri alle sei…

 

Ieri alle sei

Mi trovavo in piazza Sennaja; (1)

Là frustavano una donna con lo knut, (2)

Una giovane contadina sulla schiena.

 

Nessun suono dal suo petto usciva, (3)

Soltanto la frusta sibilava, letale…

E alla Musa io dissi: “Guarda!

La tua sorella carnale!”

 

1848 (?)

 

(1) Piazza del Mercato (del fieno) a Pietroburgo. Nekrasov scrisse questa poesia cercando tra i suoi ricordi, perché le esecuzioni pubbliche non erano mai eseguite in piazza Sennaja, ma in luoghi meno frequentati.

(2) Lo knut fu abolito dallo zar Nicola I nel 1845 e sostituito con il pleite, una frusta più piccola, con tre strisce che terminavano con palle di filo intrecciato. Lo knut era la frusta utilizzata nell’impero russo per flagellare i criminali e gli oppositori politici. Si componeva di un certo numero di corregge di cuoio intrecciate, all’estremità delle quali erano attaccati dei fili di ferro ritorto.

(3) Queste parole non sono un segno di sopportazione e di eroismo, ma di martirio.

 

Aleksej Nikolaevič Apuchtin

 

Al futuro lettore

 

Anche se il nostro verso è invecchiato, ascolta lo stesso

E sappi che dei cantori d’un tempo invano

Cercheresti il canto, il loro sguardo è spento,

La penna è caduta loro di mano!

Ma la morte qualcosa ha lasciato, tra i monumenti

La traccia perenne del passato si cela:

Le corde sono troncate, ma il suono ancora senti,

L’altare è già freddo, ma il fumo ancora si leva.

 

(Fine anni ’60 del secolo XIX)

 

Annotato nell’Album di Madame Ol’ga Kozlova con la data 25 gennaio 1875.

E’ interessante notare che in questa sua quartina del 1886 il poeta Semjon Jakovlevič Nadson si ispirò alla poesia di Apuchtin Al futuro lettore:

 

Semjon J. Nadson

 

*  *  *

Non ditemi «egli è morto». Egli non perisce!

Se l’altare è distrutto – il fuoco ancora arde,

Se la rosa è recisa – essa ancora fiorisce,

Se l’arpa è spezzata – l’accordo ancora piange!..

 

(Versione di Paolo Statuti)

 

A sua volta Kosta Chetagurov (1859-1906), il più grande poeta dell’Ossezia in lingua osseta, nella sua lirica In memoria di P. I. Čajkovskij, che ho tradotto dal russo, ricordò la suddetta poesia di S.J. Nadson:

 

In memoria di P. I. Čajkovskij

Si è spezzata l’armoniosa incantevole lira,

Distrutto è l’altare e il fastoso santuario, –

Per sempre è volato via «l’usignolo» dal mondo

Verso cieli remoti, in un lido lontano…

 

E nel cuore un greve cordoglio s’è insinuato,

E nell’anima un freddo buio perfino, –

Un colpo prematuro, e così spietato,

Ricevuto improvviso e inatteso dal destino!

 

Capiremo ora di aver perso tanto,

Qualcuno verserà una lacrima ardente?

Nel futuro di un popolo io crederò soltanto

Quando un suo genio rimpiangerà amaramente.

 

Quando la sua profonda tristezza confesserà

E le parole del poeta gli torneranno:

«Se l’arpa è spezzata, – l’accordo ancora piangerà…

Non ditemi: egli è morto, – la sua morte è un inganno!»

 

1893

 

 

 

 

(C) by Paolo Statuti

 

 

 

Annunci