Pablo Picasso: Guernica

17 Feb

 

Pablo Picasso: Guernica

 

 

   „Guernica” di Pablo Picasso è uno dei simboli più drammatici delle atrocità del XX secolo e, considerando i tragici avvenimenti di questa prima parte del XXI, non cessa di gridare il suo monito contro la guerra. Fu commissionato al grande pittore dal governo repubblicano spagnolo nel 1937, durante la guerra civile (1936-1939), per essere mostrato alla Esposizione internazionale di Parigi dello stesso  anno. Fu un omaggio alla città basca di Guernica, bombardata il 26 aprile 1937 dall’aviazione tedesca. Il quadro raffigura un locale, dove in alto è appesa una lampada. Forse è una cantina, dove la gente si rifugia prima del bombardamento, o forse una stalla, data la presenza degli animali. Questi ultimi possono simboleggiare il dolore e la paura della gente durante la guerra. Il quadro è una potente allegoria della sofferenza. Terminato il conflitto bellico, Picasso volle che “Guernica” tornasse in Spagna al termine del regime di Franco. Esso com’è noto, finì nel 1975, alla morte del dittatore. Il quadro tornò a Madrid nel 1981 da New York, dove era rimasto tutti quegli anni. E’ custodito ora nel  Museo  della Regina Sofia. Ho trovato e tradotto questa poesia del poeta polacco Andrzej Gliwiński.

 

Andrzej Gliwiński

 

Guernica di Pablo Picasso

 

Questo non è una quadro che canta,

perché il grido non può avere forma di inno.

Forte è lo schiocco delle lingue

degli animali fermati dal fuoco. I tori

con il ventre tagliato,

le teste dei cavalli separate dal tronco

– si sente ancora il furioso calpestio

degli zoccoli nell’arena della corrida.

Quella uccisione aveva una diversa misura.

Gente che scava con le unghie, coi gomiti,

– il cumulo fumante dell’incendio.

Mancano gli stendardi – stupisce anche

che nessuno canti. C’è il sole

che sovrasta la città in fiamme –

come favo o fetta di limone.

Si penserebbe che Delacroix

non avesse ancora raggiunto il grado

di incredulità di Picasso – credeva

nel rosso drappo della libertà,

che rivoluzione e tempo hanno dissanguato.

 

 

(C) by Paolo Statuti

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: