Ezra Pound (1885-1972)

14 Ott

 

Ezra Pound a Spoleto,1968

Ezra Pound a Spoleto,1968

 

Ezra Pound tradotto da Paolo Statuti

 

Lo zingaro

“Est-ce que vous avez vu des autres-des camarades-avec des singes ou des ours?”

                                                                                     Uno zingaro smarrito-A.D. 1912

 

Il cammino volgeva al termine, quando chiese:

“Ha visto altri, qualcuno dei nostri

Con orsi o scimmie?”

– Un uomo bruno robusto

Non simile ai meticci,

sull’umida strada presso Clermont.

Arrivò il vento, e la pioggia,

E la nebbia si coagulò sugli alberi nella valle,

E io avevo già fatto molta strada,

grigia Arles e Beaucaire,

E lui aveva chiesto, “Ha visto qualcuno dei nostri?”

 

Io ne avevo visti tanti dei loro…

già da Rodez,

Che tornavano dalla fiera

di san Giovanni,

Con i carri, ma nessuno con una scimmia o un orso.

 

 

 

 

 

 

 

L’isola sul lago

 

O Dio, o Venere, o Mercurio, patrono dei ladri,

Datemi a tempo debito, vi supplico, una piccola tabaccheria,

Con piccole scatole lucide

bene allineate sui ripiani

E il fragrante cavendish sfuso

e lo shag,

E il chiaro Virginia

sfuso sotto il chiaro vetro,

E una bilancia

non troppo unta,

E qualche donnina che entra per chiacchierare,

E per aggiustarsi i capelli.

 

O Dio, o Venere, o Mercurio, patrono dei ladri,

Prestatemi una piccola tabaccheria,

o trovatemi un’altra professione,

Risparmiatemi questo dannato mestiere di scrittore,

in cui bisogna sempre spremersi il cervello.

 

 

ERAT HORA

 

“Grazie, qualunque cosa accada”. Allora lei si voltò,

E come un raggio di sole sui fiori sospesi

Sparisce quando il vento li spinge di lato,

Si allontanò in fretta. Ma, qualunque cosa accada

Un’ora fu piena di sole e i sommi dei

Non avevano niente di cui vantarsi di più

Dell’aver guardato come quest’ora è passata.

 

 

 

 

Ortus

 

Come ho partorito?

Ho partorito

Per far nascere la sua anima,

Per dare a questi elementi un nome e un centro!

 

Essa è bella come la luce del sole, e come un nettare.

Essa non ha nome, non ha un posto.

Come ho partorito per separare la sua anima,

Per darle un nome e l’esistenza!

 

Certo sei legata e avviluppata,

Tu sei intrecciata con gli elementi non nati;

Io ho amato una corrente e un’ombra.

 

Io ti supplico, entra nella tua vita.

Ti supplico, impara a dire “io”

Quando t’interrogo:

Perché tu non sei una parte, ma un tutto;

Non una porzione, ma un’esistenza.

 

Francesca

 

Sei giunta uscendo dalla notte

E c’erano fiori nelle tue mani,

Ora uscirai da una confusione di gente,

Da un tumulto di voci che parlano di te.

 

Io che ti ho vista tra le cose primarie

Ero infuriato quando pronunciavano il tuo nome

In luoghi ordinari.

Io vorrei che fresche onde solcassero la mia mente,

E che il mondo si seccasse come foglia morta,

O come semi di tarassaco fossi spazzato via,

Così che io ti possa di nuovo trovare,

Sola.

 

 

 

 

(C) by Paolo Statuti

 

Advertisements

2 Risposte to “Ezra Pound (1885-1972)”

  1. giorgio linguaglossa ottobre 16, 2015 a 2:50 pm #

    complimenti per l’ottima riuscita delle traduzioni. Come sempre, Paolo, in questo campo sei un maestro.

  2. Paolo Statuti ottobre 16, 2015 a 4:03 pm #

    Come sempre gentile, grazie! 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: