Johannes Brahms

12 Mar
Johannes Brahms

Johannes Brahms

Johannes Brahms – Requiem tedesco

Testo in italiano a cura di Paolo Statuti

 Mat.  5, 4   Beati gli afflitti, perché saranno                 I – 1

                    consolati                                                         (coro)

Sal.  126,    Chi va, se ne va piangendo,

5, 6             portando il seme da gettare;

                   chi torna, ritorna cantando,

                   portando i propri covoni.

 

1  Piet.       Poiché ogni carne è come l’erba         II – 2

1,  24          e la sua gloria è tutta come il fiore   (coro)

                   dell’erba. Si secca l’erba e cade

                   il fiore.            

 

Giac.  5, 7   Siate dunque pazienti, o fratelli,

                    fino alla venuta del Signore.

                    Osservate: il contadino attende

                    il frutto prezioso della Terra,

                    e con pazienza aspetta, finché

                    non abbia ricevuto le piogge

                    della prima stagione e quelle

                    della stagione più tarda.

 

1  Piet.        Poiché ogni carne è come l’erba

1,  24           e la sua gloria è tutta come il fiore

                    dell’erba. Si secca l’erba e cade

                    il fiore. Ma la parola del Signore

                    dura in eterno.

 

Is.  35, 10    E coloro che sono stati liberati              3

                    dal Signore torneranno e verranno

                     a Sion con canti e con gioia

                     indistruttibile sui loro volti;

                     gioia e letizia giungeranno,

                     e fuggiranno dolore e lamento.

 

Sal.  39       Fammi conoscere la mia fine,             III – 4

5,6,7,8        Signore, e qual è il numero dei miei  (baritono

                    giorni, perché sappia quanto fragile     e coro)

                    io sono. Ecco, a palmo a palmo Tu

                    mi hai dato i miei giorni e la mia vita

                    è come un niente davanti a Te.

                    Sì, tutto parvenza è ogni uomo che vive!

                    Passa l’uomo come un fantasma,

                    parvenza è il suo agitarsi: ammassa

                    beni e non sa a chi toccheranno.

                    Ed ora che cosa aspetto io, Signore?

                    La mia speranza è in Te.

 

Sap.  3, 1    Le anime dei giusti sono in mano di Dio   5

                    e nessun tormento li tocca.  

 

Sal.  84        Quanto son care le Tue dimore,       IV – 6

2,3,5             o Signore delle Schiere!                  (coro)

                     Brama e langue l’anima mia

                     desiderando gli atri del Signore;

                     il mio cuore e le mie membra

                     si esaltano nel Dio vivente.

                     Beati quelli che stanno nella Tua Casa

                     e di continuo Ti posson lodare.

 

Giov.  16,    Così anche voi ora siete nella tristezza;  V – 7

22                ma io vi vedrò di nuovo e ne gioirà   (soprano

                     il vostro cuore e nessuno vi potrà         e coro)

                     più togliere la vostra gioia.

 

 

Eccl.  51,      Ecco, guardate: per breve tempo ho

27                 avuto fatica e lavoro, e ho trovato

                     grande consolazione.

 

Is.  66,  13    Come qualcuno viene consolato

                     dalla madre, così Io vi consolerò.

 

Ebr.  13, 14   Non abbiamo infatti qui una    VI – 8

                      stabile dimora, ma siamo in   (baritono

                      cerca di quella futura.                  e coro)

 

1 Cor.  15,      Ecco che a voi dico un mistero:             9

51-55              Tutti certo non saremo già morti,

                       ma tutti saremo trasformati,

                       in un attimo, in un batter d’occhio,

                       al suono dell’ultima tromba.

                       Squillerà, infatti, la tromba e i morti

                       risorgeranno incorruttibili e noi

                       saremo trasformati… Allora avrà

                       compimento la Parola che fu scritta:

                       “La morte è stata abissata in vittoria.

                       Dov’è, o morte, la tua vittoria?

                       Dov’è, o morte, il tuo dardo?”

 

Ap.  4, 11      Degno Tu sei, Signore e Dio nostro, di      10

                      ricevere la gloria, l’onore e la potenza,

                      perché Tu hai creato tutte le cose

                      e per la Tua volontà erano e sono state

                      create.

 

Ap.  14, 13   Beati i morti che fino ad ora son   VII – 11

                     morti nel Signore! Sì, dice lo          (coro)

                     Spirito, affinché si riposino dalle 

                     loro fatiche, poiché le loro opere                                 

                     li accompagnano.

 (C) by Paolo Statuti

 

 

 

 

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: