Santa Teresa d’Avila

10 Gen

Gian Lorenzo Bernini - Estasi di santa Teresa

Santa Teresa d’Avila

 

Vivo senza vivere in me

   Vivo senza vivere in me,

e in sì alta vita spero,

que muero porque no muero.

  Vivo fuori di me,

giacché muoio d’amore,

perché vivo nel Signore,

che mi volle per sé.

Quando il cor gli donai

vi lasciò questo pensiero:

que muero porque no muero.

  Questa prigione sublime

dell’amore in cui vivo,

rende Dio mio captivo

e il mio cuore redime.

E tal passione mi arreca

veder Dio mio prigioniero,

que muero porque no muero.

  Ah, com’è lunga la vita!

e l’esilio è sì duro!

questo carcere oscuro

in cui l’alma è finita!

Solo aspettare di uscirne

mi causa un duol sì fiero,

que muero porque no muero.

   Ah, la vita come pesa,

dove non si gode il Signore!

perché se dolce è l’amore,

non lo è la lunga attesa.

Toglimi, o Dio, questa notte

più buia del buio più nero,

que muero porque no muero.

   Vivo solo con la speranza

della morte che attendo,

perché il vivere, morendo,

mi assicura la fidanza.

Morte, dove la vita si trova,

non tardare, in te spero,

que muero porque no muero.

    Guarda, l’amore è forte:

vita non esser molesta;

guarda, non ti resta

per vincere che la morte.

Venga essa sì dolce,

venga il morir così leggero,

que muero porque no muero.

  Quella vita di lassù,

che è la vera vita,

finché questa non è finita,

non si gode stando quaggiù.

Morte, non essermi restia;

che muoia presto io spero,

que muero porque no muero.

 Vita, che posso donare

al mio Dio che vive in me?

se non perdere te,

per poterlo meglio amare?

Voglio morire e raggiungerlo,

perché è Lui il mio amore vero:

que muero porque no muero.

 (Versione di Paolo Statuti)

 (C) by Paolo statuti. Riproduzione riservata

Annunci

2 Risposte to “Santa Teresa d’Avila”

  1. Francesca gennaio 12, 2012 a 6:17 pm #

    Una bellissima traduzione la tua, elegante, raffinata, per uno dei maggiori testi mistici che l’Occidente abbia mai avuto. Mi piace molto l’idea di lasciare nell’originale spagnolo “que muero porque no muero”, che è il nucleo semantico di tutto il testo e, in questo modo, hai evidenziato il suo valore di mantra. Il “morire per non morire”, non solo è geniale nella sua chiarezza lapidaria, ma è proprio quella coincidentia oppositorum, quell’assurdo che è la fede.
    Grazie di aver dato questa bella versione di un testo in cui Teresa è riuscita a dire l’indicibile.

    • paulpoet gennaio 12, 2012 a 6:56 pm #

      Grazie Francesca per i tuoi complimenti. Sì, sono molto affezionato a questa mia versione. Per quanto riguarda i tag seguirò il tuo consiglio. A presto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: